martedì 6 febbraio 2007

PANE AL PANE, MAIS AL MAIS

Riuscite a immaginare cosa succederebbe se domani, andando a comprare il vostro quotidiano mezzo chilo di pane, scopriste che è aumentato dal solito euro o poco più, a quasi 2 euro? Se ci riuscite potete capire cosa stanno passando milioni di messicani in questi giorni, e che cosa gli ha spinti a riversarsi a migliaia per le strade di Città del Messico, mercoledì scorso. L’aumento del 40% del prezzo della tortilla (alimento che sta alla base della cucina messicana quanto il pane sta alla base della nostra) è il primo avvelenato frutto della politica ultra-liberista del presidente Calderon, il “golpista democratico” andato al potere in elezioni molto probabilmente truccate, il luglio scorso.


Per ulteriori informazioni sulla questione, vi rimando al bell'approfondimento di Antonio Pagliula di qualche giorno fa sul blog Verosudamerica.

2 commenti:

zula ha detto...

grazie a te ho trovato casa!!!
adesso posso fermarmi a guardare il mondo da una finestra...grazie!
;-)

zula ha detto...

SCUSA SE LO METTO TRA I COMMENTI,MA NON MI È VENUTO IN MENTE ALTRO MODO!SPERO TU METTA LA TUA FIRMA E LO FACCIA GIRARE.
GIULIA

Il week-end passato una bimba di 3 anni (a Athlone, Sud Africa) è stata
picchiata e stuprata. E' ancora viva. Il colpevole è stato
rilasciato ieri su cauzione. Se sei troppo occupato per leggere,
allora firma e inoltra la mail. Il governo Sudafricano sta pensando di
abolire l'unità di protezione bambini e questa è una petizione per
evitare che lo faccia!!


Questa è una petizione molto importante. Quell' unità è una parte
essenziale del sistema giudiziario dei bambini.

Potresti aver già sentito dire che c'è un mito, in Sud Africa,
secondo cui fare sesso con una vergine cura l'aids. Più giovane è
la ragazza, più potente sarebbe la cura!


Questo ha portato ad un' epidemia di stupri fatti da uomini
sieropositivi, che per le bimbe innocenti significa contagio. Molti
sono morti in questi abominevoli stupri. Di recente a Cape Town, 6
uomini hanno stuprato una bebè di 9 mesi. Questa situazione
agghiacciante sta raggiungendo dimensioni catastrofiche, e se non
facciamo nulla, allora chi lo farà?


Gentilmente, aggiungi il tuo nome in fondo alla lista, e per favore
invia la mail a quante più persone
possibile.

***se sei la firma numero 120, allora per piacere manda la lista a:
childprotect@saps.org.za
e inoltrala ricominciando un nuovo elenco firme .

grazie.

NON INOLTRARE la mail, FAI COPIA E INCOLLA, così resta ordinata.

1) Vincenzo Sanfilippo (Gravina di Catania (CT) - Italia)

2) Giovanna Spampinato (Catania - Italia)

3) Giuliano Contiguglia (Catania - Italia)

4) Nadia Arancio (Bristol - UK)

5) Giulia Spampinato (Mascalucia(CT)-Italia)

Ricerca Google

Google